Indietro

La rinascita di Aulla, ecco il ponte e le scuole

A sei anni dall'alluvione del 2011, finalmente sono stati inaugurati il ponte di Stadano e per il primo lotto delle nuove scuole di Aulla

AULLA — Un minuto dopo che la signora Nella Lippi, 94 anni tutti vissuti ad Aulla, ha tagliato il nastro, le auto hanno iniziato ad attraversarlo. Da oggi il nuovo ponte di Stadano sul Magra è ufficialmente aperto. Ricostruito dopo l'alluvione dell'ottobre 2011 che colpì la Lunigiana, con i suoi 139 metri è la struttura sospesa più lunga d'Italia. A consegnarlo ai cittadini è stato il presidente della Regione Enrico Rossi. Prima del ponte, l'inaugurazione del complesso scolastico che ospita il nido, la scuola materna e la scuola elementare di Aulla. Presenti anche l'assessore all'ambiente, Federica Fratoni, e l'assessore a istruzione e formazione, Cristina Grieco.

"Abbiamo fatto tutto quello che avevamo promesso – ha dichiarato il presidente Rossi - con l'impegno di Regione, sindaci, tecnici. Sono stati rimborsati quelli che erano stati danneggiati. Abbiamo messo in sicurezza anche la montagna, un'operazione unica nel panorama nazionale. Adesso partiranno i lavori per ricostruire gli ultimi lotti di arginature. Siamo riusciti a spendere – ha ricordato ancora - qualcosa come 100 milioni dei cittadini della Toscana, più un'altra ventina di milioni di fondi europei. Grazie a tutti, ai tecnici ai lavoratori. E' giusto segnalare i problemi e i ritardi quando ci sono, ma dobbiamo anche andare orgogliosi di quello che qui siamo riusciti a fare. E questi ponti innovativi hanno anche il valore di un simbolo. Quello del 2011 – ha concluso - fu un evento terribile. Abbiamo raccolto quella sfida straordinaria e ne abbiamo tratto un insegnamento: mai più costruire nell'alveo dei fiumi. Mi auguro che in futuro l'intelligenza dei consiglieri regionali e dei sindaci voglia rispettare questa norma che noi abbiamo messo partendo dalle esperienze drammatiche che sono state vissute da questa comunità e da questo territorio".

Il ponte di Stadano è costato 8,5 milioni di euro. E' stato realizzato dalla Castaldo spa di Napoli al posto di quello crollato durante l'alluvione del 2011. I lavori sono iniziati nel maggio del 2015 e sono conclusi in meno di due anni, a parte alcune lavorazioni accessorie come la demolizione del guado, il ripristino dei luoghi e lo smobilizzo del cantiere. Il ponte è stato terminato a inizio estate 2017. Il certificato di collaudo statico è stato emesso il 21 luglio.

Il primo lotto delle nuove scuole di Aulla è stato consegnato lo scorso 5 luglio per gli allestimenti interni dopo le operazioni di collaudo. Comprende un nido, la scuola dell'infanzia, le elementari e la mensa. Le strutture si inseriscono all'interno dell'area dell'ex scalo merci che, dopo la sua bonifica, è stata recuperata e restituita alla comunità di Aulla. Dall'esterno è una sorta di quadrilatero in cui il nido e la scuola dell'infanzia sono collegati con le elementari dalla nuova palestra e, tramite una struttura sospesa, alla mensa. Il tutto è messo in relazione con il parco lineare e con aree a verde anche dentro il quadrilatero stesso. Il costo del primo lotto è stato di 9 milioni e trecentomila euro. L'intervento è stato finanziato per 6,8 milioni dalla Regione Toscana e per 2,5 milioni mediante le donazione degli italiani raccolte attraverso i numeri solidali.

La scuola materna potrà ospitare fino a 90 bambini, la scuola dell'Infanzia 50, la scuola elementare fino a 280 studenti. 

Sono invece in fase di ultimazione i lavori per il ponte sul Teglia a Castagnetoli (consegna prevista entro il settembre 2017) e quello sul fiume Mangiola a Mulazzo, che sostituirà quello crollato in seguito all'alluvione del 2011.  I lavori sono iniziati nel maggio 2016 e avrebbero dovuto concludersi nel febbraio 2018. Invece la realizzazione delle opere viaggia in anticipo e dovrebbe concludersi nel mese di Agosto per consentire così a Settembre di collaudare e consegnare l'opera al Comune di Mulazzo per la conseguente apertura al traffico.

I costi complessivi per la realizzazione dei tre ponti ammontano a 17,5 milioni di euro.

Il Piano della ricostruzione della Lunigiana devastata dalle alluvioni che la Regione Toscana ha varato in conseguenza dei danni subiti ha avuto una consistenza finanziaria di 105 milioni di euro.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it