Indietro

Apicoltura più semplice con la nuova legge

Il provvedimento della Regione ce modifica la normativa del 2009 ridefinisce esercizio, tutela e valorizzazione del settore. Plauso di Coldiretti

MASSA CARRARA — Buona notizie per gli apicoltori della Lunigiana e della costa apuana. Approvato dal Consiglio Regionale della Toscana la nuova legge per l’apicoltura toscana che modifica la normativa del 2009 ridefinendo l'esercizio, la tutela e la valorizzazione del settore.

Le modifiche hanno interessato alcuni dei capisaldi dell’impianto normativo e che sono andate nella direzione di semplificare le procedure amministrative per chi intende iniziare l’attività ma anche per chi già la porta avanti, delimitare la soglia di autoconsumo con un limite massimo di 10 arnie, garantire una maggiore tutela delle api e degli insetti pronubi, la cui presenza è fondamentale per l'equilibrio dell'ecosistema, rivedendo anche la norma relativa al divieto di utilizzo di prodotti fitosanitari che possano essere dannosi nei periodi di fioritura. Basti pensare che 3 colture su 4 dipendono all’operoso lavoro delle api per effetto dell’impollinazione.

Per Coldiretti le modifiche vanno nella direzione di migliorare dal punto di vista amministrativo la “vita” degli apicoltori e la “vita” delle api che hanno un ruolo fondamentale nell’equilibrio dell’ambiente e della biodiversità. “Nella nostra provincia – spiega Francesca Ferrari, Presidente Coldiretti Massa Carrara – l’apicoltura è un settore strategico anche a livello commerciale grazie al miele della Lunigiana Dop che non ha eguali nel mondo. Negli ultimi anni il settore ha faticato molto a causa della siccità e dell’inquinamento e gli effetti sulla produzione sono stati evidenti con crolli anche del 50%. Il quadro è decisamente migliore rispetto alle ultime annate. Ecco perché è importante, anche alla luce di queste difficoltà, acquistare miele locale e italiano. Il primo sostegno arriva da noi nelle scelte alimentari”. 

Con la modifica della legge regionale 27 aprile 2009, n.21 (Norme per l'esercizio, la tutela e la valorizzazione dell'apicoltura) si recepisce nell'ordinamento regionale le recenti novità in materia di apicoltura, introdotte a livello legislativo nazionale con la legge 154 del 28 luglio 2016, volte alla semplificazione e alla razionalizzazione del settore. Nello specifico le modifiche riguardano le procedure amministrative per l'inizio e lo svolgimento dell'attività di apicoltura aggiornando l'ordinamento regionale alle disposizioni operative e gestionali della banca dati apistica nazionale. Inoltre, al fine di garantire la corretta applicazione delle diverse procedure amministrative relative allo svolgimento dell'attività apistica viene introdotto un parametro oggettivo per delimitare l'ambito dell'attività svolta per autoconsumo, prevedendo il limite massimo di 10 arnie. Infine la legge si occupa di salvaguardare la tenuta del patrimonio apistico sul quale un impatto negativo è dovuto anche all'utilizzo di prodotti fitosanitari in agricoltura, prodotti risultati nocivi per le api e gli insetti pronubi; la legge rivede dunque la norma relativa al divieto di utilizzo di prodotti fitosanitari che possano essere dannosi nei periodi di fioritura.

“Per evitare di portare in tavola prodotti provenienti dall’estero, spesso di bassa qualità – consiglia Maurizio Fantini, Direttore Coldiretti Massa Carrara – occorre verificare con attenzione l’origine in etichetta oppure di rivolgersi direttamente ai produttori nelle aziende agricole, negli agriturismi o nei mercati di Campagna Amica. La parola “Italia” deve essere obbligatoriamente presente sulle confezioni di miele raccolto interamente sul territorio nazionale mentre nel caso in cui il miele provenga da più Paesi dell’Unione Europea, l’etichetta – continua il Direttore – deve riportare l’indicazione “miscela di mieli originari della CE”; se invece proviene da Paesi extracomunitari deve esserci la scritta “miscela di mieli non originari della CE”, mentre se si tratta di un mix va scritto “miscela di mieli originari e non originari della CE”. Invitiamo gli appassionati di questo salutare alimento – conclude Fantini – a visitare i nostri mercati Campagna Amica trovando luoghi ed orari sul sitowww.campagnamica.it”.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it